Per i premi di risultato, prelievo al 10% o cambio con benefit

Sono interessati alla compilazione del rigo RC4 del modello, destinato alle somme per premi di risultato e welfare aziendale, i dipendenti del settore privato che nel 2018 hanno percepito retribuzioni premiali derivanti da contratti collettivi aziendali o territoriali fino a 3mila euro pro-capite. L’importo è elevato a 4mila euro solo in caso di coinvolgimento paritetico dei lavoratori nell’organizzazione del lavoro, limitatamente ai contratti stipulati fino al 24 aprile 2017. (Focus- IlSole24Ore)

Il bonus spetta se il reddito di lavoro dipendente percepito nel 2017 non è stato superiore a 80mila euro. Il premio di risultato può essere erogato sotto forma di compenso e in questo caso sconta l’imposta sostitutiva del 10%. Oppure, a richiesta del dipendente e purchè sia previsto dalla contrattazione di secondo livello, sotto forma di benefit aventi rilevanza sociale che, entro i suddetti limiti, non sono soggetti a nessuna imposta: parliamo del cosiddetto welfare aziendale.

Si tratta dei beni e servizi previsti dal TUIR, come i contributi di assistenza sanitaria e di previdenza, di abbonamenti per il trasporto pubblico, di servizi didattici, o di utilità sociale per i familiari e di contributi per il rischio di non autosufficienza.

Se invece il lavoratore sceglie altro, come ad esempio l’auto aziendale o l’alloggio, il relativo valore è comunque assoggettato a tassazione ordinaria.